Come risparmiare energia in estate

Come risparmiare energia in estate? Nella pagina vengono contemplati alcuni suggerimenti che permettono di affrontare il caldo estivo in maniera sostenibile e nel contempo di contenere i costi in bolletta.

Quando ci affidiamo costantemente ai sistemi di climatizzazione per combattere l’afa, facciamo più docce per provare refrigerio ed apriamo più frequentemente il frigo, puntualmente vediamo lievitare le bollette!

Vediamo invece quali sono quei piccoli accorgimenti che ci permettono di risparmiare energia e risorse anche in estate.

Come risparmiare energia in estate (foto M. Cuomo - www.nonsolorisparmio.it)


Il decalogo di nonsolorisparmio.it di come risparmiare energia in estate

  • E’ estate e le ore di luce naturale si sono ormai prolungate, approfittiamo di questo periodo e del bel tempo per spalancare le tapparelle e per spegnere lampade e lampadari. Inoltre, la sostituzione delle tradizionali lampadine ad incandescenza con quelle di nuova generazione (LED o a risparmio energetico) oltre a far consumare meno energia, aiutano ad evitare di surriscaldare gli ambienti perché non generano calore.

  • Prendiamo la buona abitudine di posizionare sempre verso destra la leva del miscelatore dell’acqua, ciò permetterà di mantenere in stand-by la caldaia e di non metterla in funzione ogni qualvolta si apre l’acqua sortendo un inutile getto caldo. E’ estate e un po’ di acqua fresca, tonifica e fa bene anche alla circolazione sanguigna!

  • Prestiamo attenzione alla temperatura della caldaia: d’estate, inevitabilmente aumenta il numero di docce giornaliere, ebbene per ottenere un predominante effetto rinfrescante è bene ridurre la temperatura di erogazione dell’acqua calda dai circa 45° invernali a 38-39°. In tal modo non occorrerà miscelare con acqua fredda ed economizzeremo.

  • Apriamo le finestre di sera e chiudiamole nelle ore più calde. L’aria serale e soprattutto quella notturna entrando in circolazione rinfresca in maniera naturale le stanze, e ci aiuterà a non soffrire il calore, senza mettere in funzione l’impianto di climatizzazione artificiale.

  • Se ne siamo sprovvisti, valutiamo la possibilità di installare un sistema ombreggiante. Tende e tendoni da balcone, istallati nei punti strategici (dove il sole batte direttamente in casa) sono validissimi alleati, nel risparmio di energia.

  • Il tradizionale ventilatore è sempre da preferirsi. Spesso basta un ventilatore per ritrovare il comfort adatto a dormire, lavorare o semplicemente per rilassarsi al riparo dal caldo; sembrerà banale, ma questo sistema consuma circa 15 volte meno energia di un condizionatore.

  • Se l’afa è tanta ed il condizionatore è proprio necessario, impostiamolo sulla modalità deumidificazione. Spesso la sensazione di caldo è associata ad un’alta percentuale di umidità dell’aria, usando un deumidificatore riuscirai ad alleviare il fastidio legato alla calura estiva pur controllando i consumi energetici.

  • Impostare il condizionatore ad una temperatura glaciale è inutile, dispendioso e soprattutto dannoso alla salute. Nelle giornate in cui l’afa ti assale e proprio non può fare a meno di accenderlo, ricordati di impostare il condizionatore ad una temperatura ragionevole per evitare sbalzi di temperatura corporea (estremamente dannosi per la salute): se ci troviamo in presenza di temperature esterne intorno ai 35°C piuttosto che di 40°C, per stare bene all’interno del nostro ambiente basta impostare una gradazione inferiore all’ambiente esterno di circa 6°C. Anche se impostiamo una temperatura di 2°C o 3°C in meno rispetto all’esterno, riusciamo ad ottenere in poco tempo una ambiente con una gradazione confortevole.

  • Puliamo spesso i filtri del condizionatore. Oltre a migliorare la qualità dell’aria e a prevenire allergie e patologie varie, questa buona abitudine ti aiuterà a contenere i consumi energetici legati al raffrescamento.

  • Fin qui si è parlato di condizionatori, ma l’elettrodomestico per antonomasia, assolutamente necessario in estate è il frigorifero, ebbene, per massimizzare la sua efficienza e per evitare sorprese ed aggravi di spesa in bolletta, sono essenziali alcuni piccoli accorgimenti, eccoli: oltre a verificare che la guarnizione di chiusura sia integra e non permetta la dispersione di aria refrigerata, sistemiamo: gelati, bibite ed alimenti in maniera intelligente, senza troppi affollamenti ed evitando di portare in frigo anche le confezioni esterne (es. i gelati preconfezionati: coni e stecchi, togliamoli dal cartone di confezionamento e mettiamoli sfusi direttamente in freezer), evitiamo, infine, di aprirlo continuamente e soprattutto tenerlo con la porta spalancata per troppo tempo.


P.S.: se avete altri consigli o suggerimenti validi su come risparmiare energia in estate, scrivete a nonsolorisparmio@email.it, saremo ben lieti di aggiungerli in calce al nostro articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *