Un futuro ecosostenibile …

Per dare una speranza ai nostri figli e più in generale al nostro pianeta, occorre un futuro ecosostenibile… parsimonia nel consumare, riciclo e rispetto per la natura, sono componenti fondamentali per vivere in simbiosi con l’ambiente che generosamente ci ospita. E’ noto che ogni essere vivente ha un determinato impatto sull’ambiente, tra questi l’uomo, con i suo “modus vivendi” è il maggior inquinante… eppure è altrettanto risaputo che la natura va rispettata, protetta e preservata.

Inquinamento e futuro ecosostenibile... (foto M. Cuomo - www.nonsolorisparmio.it)

Vi siete mai chiesti, quanto il nostro vivere abbia impatto sulla natura? Ebbene oltre all’inquinamento prodotto dalle industrie, anche noi, pur se involontariamente incidiamo: con spreco di energia elettrica, consumo di carta, utilizzo dell’automobile e con una miriade di altre piccole, innocenti abitudini, di uso quotidiano. Sapevate che un litro di olio, può inquinare fino a un milione di litri d’acqua?

Quante volte, pur sapendo che in città esistono appositi punti di smaltimento, l’olio della frittura viene versato nelle condotte di scarico urbane?! Ecco queste sono le insane abitudini da correggere se vogliamo un futuro vivibile!!!

Nella speranza possa sensibilizzare, far riflettere e spronare ad un comportamento maggiormente ecosostenibile, a seguire pongo in calce la tabella di biodegradabilità, che ci aiuta a capire quanto un determinato oggetto, prodotto dall’uomo, possa risultare difficile da “digerire” per madre natura…


Biodegradabilità di alcuni rifiuti

(indicazioni di massima tratte da vari siti specializzati)

Giornali e cartone – oltre 2 mesi

Mozzicone di sigaretta – oltre un anno

Gomma da masticare – oltre 5 anni

Lattina di alluminio – oltre 100 anni

Cotton-fioc – almeno 500 anni

Bottiglia di plastica – oltre 500 anni

Sacchetto di plastica (shopper) – oltre 800 anni

Bottiglia di vetro – anche 1000 anni

Polistirolo – oltre i mille anni

Pile al cadmio – alcuni milioni di anni


Mi raccomando, prendendo spunto da ciò che abbiamo evidenziato, quando volete sbarazzarvi di un oggetto, prima di buttarlo via, pensate per quanto tempo rimarrà nell’ambiente, se non viene smaltito a norma o riciclato!!!

  .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *